21 dicembre 2013

Come ho vinto la mia personale battaglia contro la stesura posticcia degli ombretti in crema





All'inizio erano le dita. Dopo vari tentativi di applicazione con pennello e di sfumature che avrebbero fatto fuggire anche i fautori del trash, mi sono arresa e ho iniziato a credere che le dita fossero gli strumenti più idonei ai prodotti in crema.

Un giorno, mentre vago qua e là in rete alla ricerca di pennelli che non ho, scorgo il 242 di Mac e mi chiedo se non sia il caso di riprendere la battaglia alla conquista della tecnica. Era chiaro sin da subito che quel pennello piatto, con le setole sintetiche proprio adatte ai prodotti in crema, o alle polveri quando si richiede un'applicazione intensa e ricca del colore, non mi avrebbe permesso di sfumare. Mi convinsi che poteva essere un inizio e poi, chissà, che avrebbe potuto rinfocolare la mia caparbietà. E così è stato. 
Per mesi mi sono accontentata di applicare beatamente i miei ombretti in crema, tempestati di passate impronte digitali, sfumando alla meno peggio. Il 217 di Mac non mi ha soddisfatta, perfetto ed insostituibile per le poveri, non mi ha concesso il risultato che desideravo. Il 224 di Mac, se lo uso per sfumare il correttore andrà bene anche per gli ombretti in crema. No, va bene per le sfumature ampie, che non esigono precisione, per mescolare i colori, ma per creare un'ombreggiatura nella piega e soprattutto per sfumare nell'angolo esterno, proprio no. Lo shading brush e il deluxe crease brush di Real Techniques, meglio ma non ancora sufficiente e su alcuni prodotti, come gli Illusion d'Ombre di Chanel, mi spostano il colore anziché stenderlo. Qualcuna potrà pensare che sia colpa mia, che io sia un'impedita, incapace di utilizzare i pennelli, l'ho pensato anch'io e certamente chi ha più manualità di me, più esperienza di me, riuscirebbe nel mio intento con molto meno. Ma, c'è un ma, è arrivato lui, l'eye smudge brush di Bobbi Brown e le mie pene sono svanite nel nulla come fa la notte quando lascia spazio al giorno col risplendere del sole.
Non è cruelty free, ha le setole in pelo di pony e non mi sembra possibile che un pennello in setole naturali possa essere la soluzione ai miei crucci. Invece può e lo fa benissimo. Lui nasce come il pennello perfetto per gli smoky-eye, per sfumare le matite alla base delle ciglia, sia della rima superiore che inferiore, sul sito di Bobbi Brown è scritto proprio così "The tapered end of this brush is designed for smudging to create a modern, soft, smoky eye", ma vi posso assicurare che, tranne per le linee di eye liner e i piccoli dettagli, va bene per tutto, polveri comprese, e non potrebbe svolgere meglio il suo lavoro. Quando voglio un trucco occhi totalmente composto da ombretti in crema, senza di lui non saprei come fare. Stendo l'ombretto sulla palpebra mobile con il 242, con la sezione orizzontale in punta di pennello rilascio i colori più scuri nella piega, nell'angolo esterno e ovunque mi serva, infine sfumo con l'eye smudge. Pratico, veloce e di sicuro effetto. Già il fatto di non brancolare nell'incertezza del risultato è un ottimo motivo per essere sicura di aver fatto la cosa giusta. Ciò non toglie che se dovessi incontrare sulla mia strada nuovi pennelli e sondare nuovi metodi, vi aggiornerò.

sopra Mac Shader Brush 242, sotto Bobbi Brown Eye Smudge









Entrambi i pennelli si puliscono facilmente e non ho avuto problemi di alcun genere, né per quanto riguarda la resistenza delle setole, né tantomeno riguardanti la forma originaria del pennello.
Il 242 Shader Brush l'ho acquistato, ovviamente, da Mac e ora costa 26,72 Euro.
L'Eye Smudge Brush di Bobbi Brown l'ho acquistato dal sito di Selfridges, il costo è di 24,00 Sterline, sul sito francese di Sephora costa 29,00 Euro. In entrambi i casi i costi di spedizione sono molto alti, rispettivamente 15,00 Sterline e 15,50 Euro, ma basta fare un ordine cumulativo con altre persone e l'ostacolo è lietamente superato. E in ogni caso è sempre proficuo utilizzare gli sconti che di tanto in tanto arrivano.
Se ho omesso qualche dettaglio che può esservi utile, non esitate a chiedere.
E voi, quale tecnica usate?